Sguardo al Reale

  • Famiglia
  • Vita
  • Quotidianità
  • Chiesa

David, il “nonno” americano che da 12 anni coccola i bimbi prematuri

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Come? Tenendoli in braccio, coccolandoli, cantando per loro.

David è per tutti, medici, infermieri, genitori, il “nonno dell’ospedale”: la clinica  è il “Children’s Healthcare of Atlanta“.

Questo attempato signore, da 12 anni, fa il lavoro a suo dire più importante e gratificante al mondo. Lo dice lui, ex executive del marketing. “Non sanno che ricompensa sia tenere in braccio quei bimbi!”, racconta. Sono neonati prematuri, costretti per il loro bene, a restare in ospedale diverse settimane.

I loro genitori spesso abitano lontano, racconta David con calma e bontà, o hanno altri figli a casa a cui badare. Per questo, pur desiderandolo, non possono stare troppe ore accanto al loro piccolo.
“Ma io posso”, dice il nonno con le sue intere giornate spese in ospedale a canticchiare, accarezzare, dondolare questi bimbi.
“Guariscono prima. Aumentano di peso più in fretta”. I medici, le infermiere non hanno dubbi. E’ il loro tesoro.

Video sottotitolato in italiano by Fanpage.it

Fai il pieno di notizie positive cristiane

Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo e-mail riceverai una notifica appena verrà condiviso un nuovo articolo

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA