Sguardo al Reale

Giovedì Santo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+
Quando ci viene chiesto di testimoniare la nostra fede in Cristo,talvolta, troviamo delle scappatoie, siamo un po’ come Pietro: “Io ti seguirò fino in fondo”, ma al momento della prova dice: “Io non conosco quell’uomo”, è proprio così: quando tutto va bene (come piace a noi) siamo capaci di fare tutto!
Gesù dice: “Io vi ho dato l’esempio”, chi vuol seguire Gesù deve essere il servo di tutti. Ci si deve spogliare di sé stessi, dei nostri pregiudizi, dei nostri giudizi: ecco il significato “depose le vesti” (anche sulla croce Gesù è senza vesti).
Gesù ci spinge ad andare oltre i nostri schemi, ci chiama ad andare oltre i nostri pensieri, le nostre logiche di amore di donazione: “Non c’è amore più grande di questo: dare la vita per i propri nemici”. “Amatevi come io ho amato voi”.
Io non posso neanche immaginare la grandezza dell’amore di Gesù per me, il suo amore oltrepassa ogni mio limite!
Come posso attuare questo amore nella mia vita?
Allontanando ogni pensiero di giudizio, donando il perdono, capendo ogni atteggiamento…
Perché temo di farmi lavare i piedi?
Perché temo che gli altri vogliano lavarmi i piedi?
Forse ho paura di far vedere come sono?
Forse ho paura di far vedere ciò che veramente c’è nel mio cuore?

Gesù teme la mia chiusura, il mio allontanamento, il mio continuo dubitare del Suo amore e dell’amore di chi mi ha messo vicino!
Lavami i piedi Gesù!
Lavami i piedi fratello, sorella!
Mi lascio amare, ti permetto di conoscermi, ti permetto di vedere le mie fragilità, che tanto mi umiliano, ti mostro i miei compromessi, i miei pensieri, le mie paure!
Come sarebbe bello dirselo reciprocamente!
Amare non è solo dare, amare è essere aperti. Se si è aperti, si riceve amore e lo si dà. Non posso amare se non mi lascio amare!
La vita, a volte, mi ferisce, allora.. mi chiudo in me stesso per non sentire il dolore, ma così facendo costruisco intorno a me un muro, non permettendo a nessuno di entrare.
Scappo: è più facile…
Sto chiuso in casa aspettando… boh?… Che cosa?
Eppure ho sperimentato cosa significhi aprirmi, mostrare il mio cuore, così com’è e… non è stato proprio così male…
Allora perché ora… sono chiuso?
Gesù vuole prendere nelle Sue mani i miei piedi. Gesù vuole inginocchiarsi davanti a me, prendere i miei piedi e baciarli, dicendomi: “Coraggio vai avanti non fermarti? Perché mai dovresti fermarti? Io ti ho donato il Mio amore, non sciuparlo”.
Gesù è in ginocchio davanti a me, chino solo sui miei piedi. Lui non guarda ciò che guardo io (le cose che non vanno), Lui vuole donare sollievo ai miei piedi, come al mio cuore, affinché io, risollevato, riprenda il cammino.

Fai il pieno di notizie positive cristiane

Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo e-mail riceverai una notifica appena verrà condiviso un nuovo articolo

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA