Sguardo al Reale

La grande assente di questa strana estate

Foto Cecilia Fabiano/ LaPresse 
30 Luglio 2020 Roma   (Italia)
Cronaca : 
Le scuole  si preparano alla riapertura  riorganizzano gli spazi nelle aule e nei corridoi per prevenire il contagio da Covid 19
Nella Foto:  il liceo Tacito  
Photo Cecilia Fabiano/LaPresse
July 30 , 2020  Rome  (Italy) 
News:
In anticipation of reopening schools are  preparing classrooms and public spaces to prevent covid 19 outbreak
In the pic : Tacito high school
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su google
Google+

-Federico Pichetto-

 

La scuola attende di ricominciare. Tra mille problemi. Affrontati senza alcuna intelligenza e prospettiva. La grande assente è l’educazione.

 

Nel caso risuccedesse di nuovo di avere a disposizione un tot di metri quadrati per un tot di studenti e che il vostro numero di studenti fosse superiore a quello dei metri quadrati disponibili, ci si ricordi che la soluzione non è cambiare i banchi, ma mettere in campo un patto che coinvolga più persone per il tempo che serve. È tutto qui, in questa elementare verità, l’errore strategico con cui oggi si guarda alla scuola: non dal punto di vista dei protagonisti – gli studenti e i docenti – ma da quello dei mezzi, degli strumenti.

 

Un oceano di risorse ha ricoperto le scuole del Regno in questa estate di pandemia, ma alle risorse non è stato accompagnato nessun vero patto circa l’orario dei docenti, il monte ore annuale degli studenti, le azioni di recupero e di inclusione per le migliaia di bimbi e ragazzini disabili che necessitano del contatto per imparare. Come sempre la scuola, ogni iniziativa verso la scuola, si traduce nel tentativo di determinare responsabilità e prevenire contenziosi.

 

La grande assente di questa strana estate è l’educazione, la necessità di tornare ad educare al rapporto col reale, evitando di schivare le problematiche, ma imparando a viverle e a coscientizzare. Di tutto abbiamo bisogno tranne di un neostatalismo educativo, che renda la comunità pubblica un buon padre di famiglia che si occupa di tutte le questioni aperte dalla vita, schivando – in fondo – il vero dramma della vita, ossia la meraviglia e la promessa che essa comporta.

 

Nel caso risuccedesse di nuovo che vogliano cambiare banchi e sedie in risposta ad una tragedia sociale di tipo biblico, ricordiamo al legislatore che in quei banchi siederà qualcuno, l’unico vero motivo per cui il 14 settembre valga davvero la pena di ricominciare.

 

 

Fonte: ilsussidiario.net

Fai il pieno di notizie positive cristiane

Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo e-mail riceverai una notifica appena verrà condiviso un nuovo articolo

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA