Springsteen, il sogno americano ritrovato in una chiesa

-Luca Miele-

Nella sua prima apparizione commerciale, la rock star tratteggia la sua idea di America: strada, fede e il valore dell’accoglienza.
“La nostra luce ha sempre trovato la sua strada nell’oscurità”

 

Un piccolo pulpito. Una croce di legno adagiata su una bandiera americana. Una cappella bianca, piccola, minima, sovrastata dal gigantismo del panorama nel quale è immersa. E poi gli spazi aperti, l’immancabile strada che corre verso l’infinito (e verso il futuro).
Eccola l’America di Bruce Springstee
n, tratteggiata – nella prima apparizione commerciale della rock star – non più attraverso le canzoni ma con un fascio di immagini e parole: un’America che ha il suo cuore, il suo punto focale, il suo centro esatto in una cappella, a Kansas, un posto “sempre aperto” e nel quale si è sempre benvenuti.

 

L’idea di America di Springsteen è tutta qui: in una chiesa, nella strada e nel valore dell’accoglienza.

 

Continua a leggere su Avvenire

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su print

Fai il pieno di notizie positive cristiane

Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo e-mail riceverai una notifica appena verrà condiviso un nuovo articolo

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA