Lettera da Kabul

-Zahra Rahimi-

 

I combattimenti tra le forze di difesa e sicurezza nazionali afghane e i talebani sono in corso, i talebani avanzano in dieci province, principalmente nel nord del paese, ma ora sono molto più vicini a Kabul,  poiché ieri hanno invaso la provincia di Ghazni nel sud-est. I talebani applicano la loro interpretazione dell’islam, costringono le donne e le ragazze a non uscire di casa senza un accompagnatore. Di recente hanno vietato le scuole femminili nelle province che controllano.

 

Se devo essere sincera, tutti qui hanno paura. Alcuni dei miei amici e colleghi hanno lasciato il paese; alcuni stanno cercando di andarsene ma le richieste di visto sono state respinte dai paesi europei, occidentali e persino dai paesi vicini.

 

Kabul è un inferno in questi giorni. Sono tutti disperati. Strade e parchi sono pieni di donne e bambini sfollati a causa della guerra. Né il governo né le organizzazioni non governative li aiutano. I prezzi dei prodotti alimentari e gli affitti sono aumentati in modo drastico. E alcuni report dicono che più di trentamila funzionari pubblici hanno perso il lavoro nelle aree riconquistate dai talebani. Ora per gli afghani l’unica cosa che conta è rimanere vivi, sopravvivere. Sono tutti senza speranza quando pensano al futuro e l’orizzonte è buio e pieno di sangue. Sono ripresi gli omicidi mirati. Uscendo di casa per andare al lavoro questa mattina mia madre mi ha abbracciato e mi ha detto: per favore scappa, vai via, lascia il paese. Lo fa tutti i giorni.

 

Sono una giornalista e sono una donna, ho lavorato in pubblico per quasi otto anni per diversi canali televisivi e altri media, ma ora qui, nel mio paese, non mi sento più sicura. Ricevo continue minacce da diversi gruppi estremisti, compresi i talebani. Secondo un rapporto dell’Organizzazione (Soma) Supporting Open Media in Afghanistan appena pubblicato, i talebani hanno iniziato a perquisire le case dei giornalisti e di chi lavora nei media a Pol-e-Khomri, un centro della provincia di Baghlan. Accade la stessa cosa anche altrove. Secondo la Afghan Human Rights Commission, 28 civili a Malistan sono stati colpiti e uccisi dai talebani. Sono sicura che se i talebani prenderanno il controllo del paese, la prima cosa che faranno sarà andare a caccia di chi secondo loro ha violato la sharia. Nella loro legge, alle ragazze e alle donne non è permesso lavorare, andare a scuola, cantare o essere indipendenti. E io sono indipendente, lavoro in pubblico, vado in tv vestita come mi piace.

 

 

Fonte: ilfoglio

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su print

Fai il pieno di notizie positive cristiane

Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo e-mail riceverai una notifica appena verrà condiviso un nuovo articolo

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA