Le scarpe che fanno correre il Kenya

-Giuseppe Frangi-

 

Sono progettate a Nairobi e assemblate a Mombasa. Il loro nome “Enda”, significa “Vai!”: sono il simbolo dei campioni kenyioti del mezzofondo. Oggi Enda è un’azienda che dà lavoro a una cinquantina di persone in Africa ma che ha ambizione di crescere provando ad affacciarsi sul mercato europeo

 

“Enda” in lingua Swahili significa “Vai!”. “Enda” per questo è stato scelto come marchio delle prime scarpe da running made in Kenya, cioè nel Paese degli atleti che corrono come nessun altro al mondo.

L’impresa è nata nel 2016 grazie a una campagna di crowdfunding lanciata su Kickstarter e alla quale avevano aderito da subito alcune affermate star di Hollywood, tra cui l’attrice keniota Lupita Nyong’o, premio Oscar per “12 anni schiavo”, e Winston Duke, il cattivo di “Black Panther”. Il simbolo che campeggia sul logo delle Enda è la punta di una lancia, adattata proprio dalla bandiera keniana, e che costituisce il vessillo dell’identità nazionale del Paese africano, mentre alcuni dettagli (ad esempio gli occhielli per i lacci o la linguetta sul tallone) richiamano, di nuovo, i colori del paese della Rift Valley.

Le scarpe Enda vengono create dall’ufficio stile a Nairobi, interamente assemblate a Mombasa e testate dai giovani corridori keniani che si allenano per diventare i campioni della maratona. Fin dalle primissime versioni sono stati inseriti una serie di sottili elementi che rimandano immediatamente al loro essere made in Kenya.
I colori prendono ispirazione da alcuni tra i piumaggi dei più caratteristici uccelli del Kenya e sono presenti richiami ai colori della bandiera nazionale (rosso e verde) sugli occhielli dei lacci. Inoltre, sulla suola un disegno riproduce fedelmente la mappa topografica della Great Rift Valley, mentre la scritta Harambee (“Tutti insieme”, che è poi il motto nazionale del Kenya) vuole comunicare lo spirito di condivisione di un progetto che va decisamente oltre la corsa.

Non è un caso che Enda sia l’unico marchio di scarpe da running al mondo ad aver ottenuto la certificazione internazionale B Corp, che ha riconosciuto l’alto grado di impatto sociale del progetto: quello sullo sviluppo economico grazie alla creazione di posti di lavoro, sia direttamente in azienda che nell’indotto, e quello di supporto alle comunità locali attraverso la Enda Community Foundation (una parte del prezzo di acquisto delle scarpe a sostenere dei progetti educativi in Kenya).
A ciò si aggiunga la riduzione dell’impatto ambientale: le Enda sono scarpe da corsa a impatto zero (certificazione Climate Neutral).

 

La filiera produttiva delle scarpe, arrivate anche sul mercato italiano, impiega 49 persone in Kenya, di cui 22 specializzate. Con i ricavi vengono sostenuti economicamente 15 giovani atleti, mentre 4 affermati sono sponsorizzati da Enda.

Il modello di punta, la Lapatet (che in lingua Kalenjin, la più parlata dagli atleti kenioti, significa correre), è pensata per correre a lungo sia su sterrato che su asfalto.
Il primo modello lanciato da Enda si chiama, invece, Iten, e prende il nome dalla cittadina della Rift Valley dove negli ultimi 30 anni sono cresciuti e si sono allenati i più forti maratoneti al mondo.

Collocata a 2400 metri sul livello del mare, Iten è la sede della St Patrick’s High School, autentica fabbrica keniana dei campioni della corsa, da Dennis Kimetto a Eliud Kipchonge alla nuova primatista mondiale Brigid Kosgei, solo per citare i più famosi.

 

 

Fonte: vita

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su print

Fai il pieno di notizie positive cristiane

Iscriviti alla newsletter

Inserendo il tuo indirizzo e-mail riceverai una notifica appena verrà condiviso un nuovo articolo

Sguardo al Reale

Un progetto di Suor Lucia Brasca FMA